Detrazioni spese veterinarie

Spread the love

Non tutti sanno che esiste la possibilità di detrarre le spese veterinarie nella dichiarazione dei redditi.

Le spese che si possono detrarre si riferiscono alla cura di animali da compagnia o per pratica sportiva. Oltre alle spese veterinarie, si possono detrarre le spese per farmaci, avendo cura di allegare i documenti fiscali (scontrini o fatture).

Le spese relative ad animali allevati a scopo commerciale, agricolo o destinati alla riproduzione e al consumo alimentare, come stabilito dal D.M.F. 286/2001 non sono detraibili.

L’importo massimo previsto per le detrazioni è di Euro 387,34. Da questa somma occorre detrarre la franchigia stabilita in Euro 129,11.

In pratica, la detrazione fiscale del 19% si applica nella fascia di spesa tra 129,11 e 387,34 Euro.
Il risparmio massimo è di Euro 49,06.

Tali importi si riferiscono all’intero anno, per nucleo familiare e indipendentemente dal numero di animali posseduti.

A livello esemplificativo: chi ha un cane e un gatto potrà detrarre al massimo 49,06 euro e non 98,12.
 

Come si calcola (alcuni esempi):
  • Spesa annua inferiore a Euro 129,11 : nessuna detrazione.
  • Spesa annua Euro 250: euro 250,00 – euro 129,11 (franchigia) = euro 120,89.
    – Detrazione 19% su 120,89: Euro 22,97.
  • Spesa annua uguale o superiore a € 387,34 : detrazione 19% su 258,23 (differenza tra importo massimo di € 387,34 meno franchigia di € 129,11)= € 49,06.
    730 spese veterinarie

Per ulteriori informazioni potete consultare questo articolo.

L’importo da indicare non può essere superiore a € 387,34.

La detrazione sarà calcolata sulla parte eccedente l’importo di 129,11.
 
In Clinica è a disposizione un opuscolo informativo. Chiedilo al Veterinario!


Spread the love