Sopravvivere ai botti di Capodanno

Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://www.clivetspinaceto.it/il-cane-e-i-botti-di-capodanno/

I botti di Capodanno spesso sono un vero problema per i nostri animali.

 

Per cani e gatti questi rumori causano fortissima ansia per due ragioni: la prima è che la percezione uditiva degli animali è molto amplificata rispetto alla nostra, la seconda è che non capiscono cosa sta succedendo.

Se il proprietario reagisce con grida o rimproveri il cane può rafforzare la sua paura e questo fenomeno si ripeterà ogni anno.

 

Ecco alcuni consigli pratici per aiutare il nostro animale a superare indenne la notte di Capodanno.

 

Cosa fare quando è a casa con te:
  • Chiedi agli ospiti e ai bambini di non eccitarlo, spiega loro che sarai tu a gestire il tuo animale. La cosa migliore che possono fare è ignorarlo.
  • Se si nasconde, non cercare di tirarlo fuori con la forza. Lascialo tranquillo: significa che si sente più al sicuro dov’è. Uscirà quando non sarà più spaventato.
  • Se dovesse urinare o defecare, non dare peso e pulisci: non farlo sentire in colpa.
  • Non costringerlo a stare accanto a te e lascialo libero. Se cerca il contatto, accettalo ma non favorirlo.
  • Non toccarlo all’improvviso, in particolare da dietro. Se è spaventato può reagire in maniera anomala.
  • Se abbaia, ulula o guaisce, o al peggio se tenta di morderti, distrailo, attira la sua attenzione con un battito di mani e fallo giocare con una pallina o con il suo gioco preferito.
  • Attenzione ai toni della voce, al volume della televisione e al momento in cui si stappano le bottiglie.
  • Attento a balconi o finestre aperte: possono essere visti come disperate vie di fuga!

  • In questi casi è molto più efficace una vera e propria “pratica dell’allegria“. Se conosce qualche tecnica (seduto, terra, dai la zampa, riporta la palla) cercate di farli eseguire nel momento in cui vi sembra si stia agitando. Premiatelo con dei bocconcini solo se mantiene la calma.
  • NON COCCOLATELO O TENETELO STRETTO, questo rafforza il suo comportamento ansioso perché è come se gli diceste “bravo, hai ragione a tremare, guaire, etc.!”. Il trucco per aiutare il vostro cane a superare l’ansia è farvi vedere allegri e distrarlo.
Cosa fare se sta all’aperto:

Se possibile lascialo in un locale chiuso, conosciuto e sicuro, mettendogli a disposizione il suo giaciglio e alcuni oggetti a lui familiari, ad esempio i suoi giochi preferiti, le ciotole e qualcosa da rosicchiare. Se è spaventato non mangerà, ma la presenza del cibo renderà più familiare l’ambiente facendolo sentire meno isolato. Elimina tutto ciò che potrebbe ferirlo nel caso tentasse comunque una fuga.
• Se il cane è legato, slegalo e sistemalo in un luogo protetto come già detto; ricordati che un cane legato, se spaventato, potrebbe ferirsi gravemente.
• Se vive in un box esterno e recintato verifica l’integrità della recinzione e fai molta attenzione: se riuscisse ad uscire in preda al panico potrebbe non ritrovare la strada di casa!
A mezzanotte, se possibile, stai con lui. Non coccolarlo ma sdrammatizza la situazione, non rinforzare le sue ansie e, se possibile, distrailo facendolo giocare.
La “pratica dell’allegria” e un buon boccone appetibile se devi allontanarti sono i mezzi più efficaci.

 

Cosa fare se resta a casa da solo:

Rendi la casa accogliente lasciando qualche luce accesa, le porte interne aperte e almeno due stanze a disposizione, dove sia presente la sua “cuccia”, la sua ciotola, qualche gioco ed un eventuale nascondiglio sicuro (es. sotto al letto).
• Non lasciare oggetti che lo possano ferire e limita l’accesso a nascondigli angusti dove si potrebbe ferire per entrare.
Chiudi le finestre in modo da limitare i suoni e i bagliori esterni. Lascia la radio accesa: può rassicurarlo e il suono della musica attutisce i rumori esterni.

 

Attenzione: ogni singolo caso è diverso, se in passato il cane ha avuto grossi problemi (crisi convulsive, aggressività verso il proprietario o altri animali conviventi) queste raccomandazioni possono non essere sufficienti e pertanto consigliamo di consultare il veterinario per valutare la situazione ed eventualmente somministrare farmaci. I farmaci sedativi/ansiolitici hanno sempre effetti collaterali secondari. Pertanto ne consigliamo l’utilizzo solo su consiglio e prescrizione del Veterinario.

 

In ogni caso, la Clinica Veterinaria Spinaceto è aperta anche la notte di Capodanno, ma se seguite queste indicazioni non vi servirà!

 

Buon anno a tutti !!! 😆