L’asma felina

Spread the love

L’asma è una patologia che talvolta affligge i gatti coinvolgendo le vie aeree inferiori.

I gatti affetti da asma hanno una sintomatologia respiratoria che va dalla tosse, alle difficoltà respiratorie e agli starnuti.

Di solito questi sintomi non sono episodici ma ricorrenti nel tempo, legati o meno alle stagioni.

Si tratta quindi di un fenomeno cronico e pertanto intervenire precocemente è importante per limitare i danni: trascurare questa malattia può indurre a danni irreversibili al polmone, che negli anni possono portare ad insufficienza respiratoria.

Quali sono i sintomi più tipici cui il proprietario deve prestare attenzione?

Abbiamo già accennato alla tosse ricorrente, che talvolta può essere confusa per vomito se è presente espettorato. Più comune è la tosse secca, accompagnata da una respirazione difficoltosa e frequente. Nel gatto la “fame d’aria” è segnalata da una respirazione a bocca aperta che, a differenza dei cani, è un fenomeno anormale.

In caso di uno o più di questi segni sarà opportuno far visitare il gatto dal proprio medico veterinario, in modo che possa curarlo correttamente.

Cosa posso fare a casa per aiutare il mio gatto con asma e/o bronchite?

Alla base dell’asma felina c’è una predisposizione genetica e soggettiva, ma bisogna prestare attenzione al fatto che le vie respiratorie di questi animali sono ipersensibili agli agenti irritanti quali fumo di sigaretta, polvere, acari, prodotti per la pulizia e profumi per ambiente.

Anche la lettiera può essere causa di disturbo. Preferire lettiere di buona qualità a base di silicio o simili, evitando le lettiere economiche (di colore grigiastro).

Talvolta i sintomi sono stagionali, in primavera i pollini o l’eccessivo riscaldamento in inverno, nell’appartamento, con aria molto secca.
Purtroppo essendo una malattia che riconosce diverse cause ed è ad andamento cronico, le cure sono lunghe e con frequenti ricadute.

E’ molto importante che i gatti asmatici siano controllati regolarmente dal veterinario, in modo da ridurre i sintomi e se possibile individuare la causa sottostante per eliminarla. In questo caso la prognosi è buona.


Spread the love