Oculistica


OCULISTA VETERINARIO

La Dott.ssa Laura Pallante, Medico Veterinario, è consulente in Oftalmologia presso la Clinica Veterinaria Spinaceto.

Visita su appuntamento. Per informazioni contattare il n. 06 6453.0998.

Prestazioni effettuate della Dott.ssa Laura Pallante:

  • Visita oculistica – Esame degli annessi oculari, della cornea, della camera anteriore, dell’iride, della lente, del vitreo, del fondo oculare
  • Chirurgia Oftalmica – Chirurgia palpebrale (entropion, ectropion), corneale (ulcere, algerbrush), cataratta, glaucoma, globo oculare
  • Procedure diagnostiche specialistiche – Misurazione pressione intraoculare – Gonioscopia – Ecografia oculare – Elettroretinografia
  • Certificatrice Ufficiale oculopatie ereditarie FSA‐HED
    Il certificato di visita oculistica FSA-HED viene rilasciato da un Medico Veterinario abilitato FSA. La visita oculistica viene effettuata al fine di prevenire la trasmissione delle oculopatie ereditarie (cataratta, glaucoma, APR – Atrofia Progressiva della Retina) ed è pertanto consigliata nei soggetti che si vogliono impiegare nella riproduzione. Tali esami non comportano alcun disagio per gli animali, per cui la sedazione è prevista unicamente nei soggetti poco collaborativi.

Principali patologie oculistiche del cane:

  • Cataratta
    La cataratta nel cane, come per noi uomini, è spesso correlata alla vecchiaia. Ma può insorgere per altre ragioni, come il diabete, il glaucoma, per una lesione, un’infezione o per una predisposizione genetica. La cataratta diminuisce molto la vista del cane, portandolo alla cecità.
    La cataratta è facilmente individuabile, sia nell’aspetto esteriore che nel comportamento del cane. Uno strato biancastro sull’occhio, occhi rossi, lacrimanti, uniti a movimenti del cane un po’ goffi ci deve far comprendere che il problema degli occhi sta diventando importante.
    La visita dell’oculista veterinario è necessaria per verificare lo stato di salute del cane, eventuali alterazioni del sangue e lo stadio di avanzamento della malattia. Dopo la diagnosi completa, si può intervenire con terapie antinfiammatorie o con la rimozione chirurgica della cataratta, intervento ormai sempre più diffuso, con percentuali molto alte di successo.
  • Cheratite Superficiale Cronica
    Detta anche detta “panno corneale”,  è un’infiammazione cronica della cornea che si manifesta nel cane, in particolar modo in alcune razze come il Pastore Tedesco, Pastore Belga, Husky, e razze simili. Si manifesta con la progressiva infiltrazione da parte di cellule infiammatorie e di pigmento a partire dalla periferia della cornea, verso il centro, fino ad apparire come macchie rilevate di colore bianco rossastro ed irregolare che poi tendono ad scurirsi fino a ricoprire l’intera superficie oculare. La cheratite, se non curata, può provocare la cecità.
  • Atrofia Progressiva della Retina (APR)
    Malattia genetica che provoca degenerazione ed atrofia della retina, anche se queste cellule sembrano svilupparsi normalmente nella prima fase della vita del cane. E’ una malattia progressiva che si presenta in entrambi gli occhi. Il proprietario nota una modifica nei movimenti dell’animale, specie in carenza di luce.
    L’oculista veterinario è in grado, attraverso l’esame del fondo oculare, di diagnosticare la malattia, per la quale comunque le possibilità di cura sono scarse. L’uso di sostanze antiossidanti e vitamine per la degenerazione nervosa della retina rallentano la progressione.
    Le razze maggiormente predisposte all’APR sono: Labrador, Pointer Tedesco, Cocker Spaniel Inglese e Americano, Schnauzer Nano, Barboncino, Setter Irlandese, Collie, Bassotto, Gatto persiano e Gatto abissino.